Categorie
Intorno al disegno Libri e manuali di disegno

Chi ha illustrato “A Christmas Carol”?

Photo credit: bbc.co.uk

Chi ha illustrato “A Christmas Carol”? Vogliamo augurarvi un Buon Natale raccontandovi di uno dei libri illustrati più famosi nel mondo: A Christmas Carol di Charles Dickens. Un’opera data alle stampe nel 1843, che ha venduto in pochi giorni le seimila copie stampate.

Narra la storia di Ebenezer Scrooge, personaggio avaro che in seguito alla visita dei tre fantasmi del Natale passato, presente e futuro e del defunto collega Jacob Marley cambierà il suo spinoso carattere.

Charles Dickens non aveva alcun dubbio sull’aspetto che doveva avere il libro. Chiamò l’amico illustratore John Leech commissionandogli addirittura quattro tavole a colori, un vero lusso per l’epoca. Nei bozzetti a matita che ritraevano Scrooge, Leech seguì scrupolosamente i tratti caratteriali descritti da Dickens trasformandoli in informazioni visive. Scrooge diventa la rappresentazione metaforica della miseria e della povertà d’animo, ma anche della capacità di rivoluzionare se stessi aprendosi agli altri.

John Leech ha dato vita alle immagini di Natale a noi più familiari, ed è stato un talento precoce. Quando lo scultore John Flaxman vide i disegni di un Leech di soli tre anni, ne riconobbe subito il talento. Nato a Londra, ha associato tutta la vita il suo nome al Punch Magazine, un giornale satirico ad uscita settimanale. In occasione di una mostra, Leech ingrandì le sue tavole realizzate per il Punch e le colorò con un assistente d’eccezione: John Everett Millais.

Sicuramente A Christmas Carol è uno dei suoi lavori più celebri. Un’opera che sia nei contenuti che nelle immagini si incastra in un’epoca che puntava al recupero della tradizione del Natale.

Forse in pochi sanno che Dickens intendeva mantenere il costo del libro accessibile. Per questo, nonostante le vendite clamorose dei primi giorni, il ricavato non fu stellare. Nel 1844 esce una versione più economica non autorizzata dall’autore, venduta al costo di due pence. Questo fatto portò Dickens a fare causa alla casa editrice per violazione del copyright, che vinse.