Categorie
Il mondo del disegno

Le 5 buone abitudini del disegnatore

p-20180107-150316-1-1_orig
Foto: Archivio 24H Drawing Lab

A dire il vero, di buone abitudini ce ne sono molte anche in ambito creativo. Sono infatti innumerevoli le strategie che possiamo adottare per non cedere alla confusione che spesso questa passione comporta: ad esempio riuscire a rispettare gli orari in cui lavorare o ritagliarsi del tempo apposta per disegnare. Lavorare con una certa costanza e coltivare il proprio talento anche al di fuori del disegno, magari frequentando concerti, andando a teatro o leggendo un buon libro. Oppure concludere, archiviare, modificare i disegni che sono lì da un sacco di tempo: si tratta di considerare il disegno come qualcosa di importante per il nostro benessere, come per molti è andare in palestra, ed è assolutamente normale applicare qualche sana regola.

Con questo articolo cediamo anche noi al fascino degli articoli “lista”, contando sulle dita di una mano cinque atteggiamenti costruttivi per chi coltiva il disegno come hobby creativo, o per chi ne ha fatto un lavoro.

1 – La giusta distanza. Una delle cose che più accomuna il disegno alla vita quotidiana, è che talvolta è necessaria la giusta distanza, per una migliore osservazione del problema. È da intendersi in due modi, uno letterale e uno no: certo alzarsi dal cavalletto (o allontanarsi se siete in piedi) è il modo migliore per verificare se è tutto in ordine e per avere una migliore visione d’insieme. Allo stesso tempo, cercare di allontanarsi con lo sguardo in senso metaforico, oggettivando le nostre considerazioni per agevolare una valutazione realistica, è un buon presupposto per avere un rapporto sano col proprio lavoro e capirne autonomamente i punti forti e i punti deboli.

2 – Non paragonare il tuo lavoro a quello degli altri. E’ inevitabile, soprattutto nell’era di internet. I nostri occhi sono costantemente bombardati dai disegni degli altri ed è difficilissimo riuscire ad evitare paragoni, soprattutto quando apprezziamo moltissimo il lavoro di qualcuno. Ma il paragone, di per sé è inutile perché nessuno è paragonabile all’altro.

3 – Tieni duro. Ti capiterà quello che non farà che dirti quanto lavora di più rispetto a te, o quanti risultati ha raggiunto. Oppure qualcuno che non apprezzerà il tuo lavoro e a volte sarai proprio tu stesso, a non apprezzarlo. Lascia semplicemente scorrere gli stati d’animo e se ti senti in un momentaccio dal punto di vista creativo, metti il tuo album da disegno in borsa e non toccare una matita. Esci a vedere una mostra o incontra qualche amico per bere qualcosa, cercando nuovi stimoli.

4 – Sii gentile con te stesso. E’ normale non sentirsi soddisfatti ogni tanto, ma ciò che è importante è non accanirsi. Giudicarti non ti renderà un creativo migliore, ma probabilmente sempre più inibito. E’ importante una certa severità, perché aiuta a migliorarsi, ma ciò che è importante è capire la differenza tra una sana insoddisfazione e un vero e proprio accanimento. Sii sempre gentile: con te, il tuo lavoro e con il tuo io creativo.

5 – Rispetta il tuo lavoro. Rispettare il tuo lavoro significa non svalutarlo con gli altri: sentiti libero di confrontarti sui punti deboli, ma senza affondare il colpo. E trattalo bene: dalla sua conservazione con il fissaggio, archiviandolo in cartelle apposite, prestando la stessa attenzione sia quando lo mostri a qualcuno, che quando lo riponi nelle cassettiere. Rispettare il tuo lavoro significa anche rispettare te stesso. Non credi?

Di 24H Drawing Lab

Benvenuti nel blog di 24H Drawing Lab: un corso intensivo di disegno destinato a persone che non hanno alcuna preparazione tecnica e hanno il desiderio di incrementare le proprie capacità in poco tempo, ma anche ad esperti che vogliono approfondire metodi innovativi legati alla disciplina del disegno. Basato sul Metodo Edwards, che consente di naturalizzare il gesto del disegnare così come si è naturalizzata la guida o la lettura. Obiettivo del corso è quello di “vedere la soluzione dei problemi” che non ci fanno disegnare bene, comprendendo che saper disegnare vuol dire soprattutto saper osservare. Corsi online e in presenza, di gruppo, individuali e aziendali.

- Costo corso di gruppo: 250,00 euro
- Costo corso individuale: 350,00 euro
- Durata: 24 ore
- Materiale: fornito (e resta tuo)
- Piattaforma usata (versione online): Zoom

E torni gratis ogni volta che vuoi.

Rispondi